Rassegna stampa di notizie più o meno interessanti (per me) dalla rete

Uccide l’ex moglie a colpi di pistola; poi si spara: muore in ospedale

In Critical persons, Marriage, Press Review on agosto 9, 2015 at 2:14 pm

Il fatto è accaduto in via Crocefisso, a Squinzano, nel nord Salento
La sparatoria dopo una violenta lite. La coppia aveva due bambini

LECCE – Omicidio-suicidio a Squinzano, nel nord Salento. Un uomo di 45 anni, Sergio Pagano, ha assassinato l’ex moglie, Rita Paola Marzo, di 41 anni, a colpi di pistola e poi ha tentato di togliersi la vita. È morto in serata nell’ospedale «Vito Fazzi» di Lecce. Il fatto è accaduto per strada, in via Crocefisso. Sul posto sono intervenuti i carabinieri. La sparatoria sarebbe avvenuta dopo una lite. La coppia aveva due figli di 11 e 15 anni. L’uomo è stato ricoverato per ore in gravissime condizioni in ospedale a Lecce. Poi verso le 21 il suo cuore ha cessato di battere. Secondo la ricostruzione fatta dai carabinieri, Pagano e la moglie si erano separati da due mesi. Lui, però, non si era mai rassegnato. Disoccupato ed in possesso del porto d’armi (lo aveva ottenuto due mesi fa per uso sportivo), Pagano ha visto l’auto della moglie parcheggiata in via Crocefisso.

La dinamica

Rita Paola Marzo faceva la parrucchiera a domicilio e si era recata da una cliente. In strada, dunque, i due si sono incontrati. Tra i due ci sarebbe stata una discussione, poi la donna ha visto l’uomo estrarre una pistola ed ha cominciato ad gridare. Pagano ha esploso un solo colpo di pistola all’indirizzo della donna, colpendola alla testa ed uccidendola sul colpo. Poi ha rivolto l’arma verso di sè, sparando una pallottola alla tempia. Tutto è avvenuto davanti ad alcuni testimoni che hanno avvertito i carabinieri e trasportato l’uomo in ospedale, al «Vito Fazzi» di Lecce, dove è rimasto per ore ricoverato nel reparto di Rianimazione prima di morire. L’uomo ha usato una pistola calibro 9 corto. A terra sono stati trovati due bossoli. Il corpo di Rita Paola Marzo è stato portato nella camera mortuaria dell’ospedale «Vito Fazzi» di Lecce dove nelle prossime ore, su disposizione della Procura della Repubblica di Lecce, sarà eseguita l’autopsia. I carabinieri hanno interrogato i parenti della coppia. La donna non aveva mai denunciato alle forze dell’ordine minacce o intimidazioni da parte dell’ex marito.

Fonte: Corriere della Sera online, 8 Agosto 2015

Lascia un commento

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: